Squinzi: ''Stiamo perdendo due generazioni di giovani. Non è l'Europa giusta''

A Como per l'assemblea di Unicomo il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi chiede un'Europa più flessibile sugli investimenti fatti in infrastrutture e sviluppo. Su questo deve essere possibile derogare dal limite del 3%. Squinzi apre agli eurobond per reperire fondi e individua il settore delle infrastrutture come quello su cui puntare per far ripartire l'Italia. ''Abbiamo un tasso di disoccupazione giovanile del 46% - ricorda Squinzi - Stiamo perdendo per strada due o più generazioni. Questa non è l'Europa giusta a cui noi dobbiamo guardare come un obiettivo''

(video di Tiziano Scolari)

Gli altri video di Economia