Prostituzione in Veneto, dai magnaccia rumeni alle grandi reti di smuggling

L'atlante criminale veneto intervista Paola Degani, docente di Politiche pubbliche e diritti umani all’Università degli Studi  di Padova: non solo prostituzione nigeriana, ci sono altri target monitorati come quelli rumeno e bulgaro, la prostituzione cinese prevalentemente indoor, il ritorno delle donne albanesi su strada. Bisogna poi distinguere tra le grandi reti di smuggling e la gestione quasi familiare, ad esempio per le donne rumene. A cura di Vera Mantengoli

Gli altri video di Atlante criminale veneto