Piazza di Torino dedicata ad Antonicelli, Segre: "Franco non sarebbe contento dell'Italia di oggi"

“L'Italia di oggi è purtroppo ispirata a una forma di analfabetismo della democrazia e improntata su tesi politiche che la storia ha bollato come assurde”. A dirlo è l'avvocato e partigiano torinese, Bruno Segre a margine della cerimonia di intitolazione di una piazza al saggista e poeta antifascista, Franco Antonicelli. “Franco non sarebbe contento di vivere nell'Italia di oggi – ha proseguito Segre che da pochi mesi ha compiuto 101 anni – sarebbe rammaricato di ascoltare persone che coltivano stupide e ridicole nostalgie invece di lavorare per un'Italia fedele alla Costituzione, il più bel regalo che la Resistenza ci ha fatto”
 
Di Alessandro Contaldo

Gli altri video di Cronaca