Malore Bossi, il militante con la bici "secessionista" in ospedale: "Con lui emozioni indescrivibili"

Manopole verdi, drappi con Alberto da Giussano sui raggi e la scritta Lega Nord sulla canna. Giuliano Burtini, storico militante della Lega attivo nel varesotto, si è presentato all'ospedale di Circolo con una delle sue biciclette per provare a portare la sua solidarietà a Umberto Bossi. "Anche 14 anni fa, per il primo malore, ero venuto a trovarlo", ricorda Giuliano. "Bossi ci ha dato tante emozioni - continua - E' stato in grado di esprimere quello che noi avevamo dentro". Giuliano, tutt'oggi secessionista dichiarato, non rinnega però la segreteria Salvini: "Aprire al sud era una cosa che andava fatta, Matteo è uno dei nostri".
 
video di Andrea Lattanzi

Gli altri video di Cronaca