"Galeorto", il recupero dei detenuti passa dalla terra

Sorge all’interno del carcere di via Arginone un orto speciale curato dai detenuti. Si chiama "Galeorto" ed è un progetto realizzato da Coldiretti e Viale K. Qui si coltivano zucche, cipolle e fragole (video Federico Vecchiatini). L'ARTICOLO

Gli altri video di Cronaca