Firenze, presidente Corte d'Appello: "Linciaggio contro nostro giudice. Doveroso intervenire "

"Ritengo doveroso, quale presidente della Corte di Appello, intervenire in ordine al linciaggio morale cui è ingiustamente sottoposta la dottoressa Luciana Breggia, esposta per i gravi attacchi subiti a pericolo per la sua incolumità, attesa la risonanza mediatica e l'effetto moltiplicatore della galassia dei social". Così la presidente della Corte di Appello di Firenze, Margherita Cassano, parlando ai giornalisti in merito alle critiche del ministro dell'Interno Matteo Salvini sull'operato dei magistrati di Firenze. "Comunico di aver richiesto l'intervento del Csm affinché valuti la sussistenza dei presupposti, a mio avviso ricorrenti, per l'apertura di una pratica a tutela, volta a riaffermare la piena legittimità dell'operato del magistrato e ristabilire il rispetto reciproco tra le istituzioni dello Stato", ha proseguito Cassano che ha spiegato che il Viminale poteva costituirsi in giudizio nella causa a Firenze del richiedente asilo per la sua iscrizione all'anagrafe. Una facoltà che non è stata esercitata comportando la decadenza. 
 
 
Video di Gerardo Adinolfi

Gli altri video di Cronaca